giovedì 16 febbraio 2017

A riveder le stelle



Conforta sapere che "La Marina militare italiana non ha mai abbandonato la navigazione astronomica, che fa parte delle materie da sempre insegnate nei quattro anni dell’Accademia navale di Livorno. Il sestante non è mai sbarcato dalle nostre navi, anche per una questione di cultura marinara" (*)

Chi mi conosce sa bene che, quando comanderò io, molte luci si spegneranno e nelle nostre vite torneranno le stelle. Forse anche per i ciclisti verrà stabilito l'obbligo di tenere il sestante a bordo.

Nella galassia degli off-the-grid, non so ancora bene quale tendenza sarà la nostra. Sincretica, sicuramente, con una spruzzatina di prepping, ma senza la paranoica accumulazione di scorte in cantina. Soprattutto, infine usciremo, a riveder le stelle.

(*) L’italiano che insegna all’Us Navy a guardare il cielo stellato, di Fabio Pozzo, 16 febbraio 2017.

martedì 14 febbraio 2017

Stoner


Alla fine, ho letto Stoner. Era lì, "in fila", da tempo, da quando me ne aveva parlato D*, e mi aveva riferito che vi si trovava già enunciata la tesi dell'accademia come "terapia occupazionale" (qui).

Ho tratto una morale da questo libro, che è molto bello. Dentro all'università, per una vita puoi starci con un piede, ma l'altro lo devi tenere fuori. E forse è l'unico modo per vivere veramente da "accademico": per esserlo, in parte devi non esserlo. Così, non essendo niente di preciso, finisci per non essere nulla, ed è esattamente questo il punto. Saluti a tutti, scompaio sino a stasera, e anche oltre.

domenica 12 febbraio 2017

Madama la Marchesa, gli studenti scrivono male



L'appello dei 600 colleghi, che si lamentano perché i nostri studenti universitari scrivono male, appartiene al genere "Madama la Marchesa, ma dove andremo a finire". Anch'io, che ho la fortuna di avere studenti mediamente bravi, a volte mi lamento. Ma il linguaggio è a sua maniera democratico e rappresenta lo stato delle cose. In basso come in alto.

In alto, tra noi professori universitari, che usiamo l'inglese come Alberto Sordi: vedi alla voce "teaching hub" e "Reunion", Università di Bologna.

Stesso ateneo, anzi, mio dipartimento, il mese scorso: documento in discussione, redatto da un collega, in cui si comunica che una certa domanda va "sottomessa" (presentata) entro un certo termine. E dialoghi surreali, in consiglio di dipartimento, con due parole in inglese-bolognese a condirne cinque in italiano.

E quali strumenti mettiamo a disposizione dei nostri studenti per imparare a scrivere? Quando va bene, la buona volontà di chi, tra noi, davvero fa le pulci agli scritti che riceve. Poco altro.

E siccome i temi sono collegati, chi siamo noi per dar lezioni, quando accettiamo il plagio accademico? Meglio scriver male ma farina del proprio sacco, o bene ma copiando? Il nostro Rettore, Francesco Ubertini, ancora deve chiarire il Caso Lorenzini, finito sulle pagine dei giornali. E dov'erano i bolognesi firmatari dell'appello dei 600, quando si trattava di alzare la voce col Rettore, per chiedere tale rispetto "linguistico"? Madama Marchesa: le proprie virtù è più facile mostrarle coi deboli, che coi forti.

E anche in questo, alto e basso, la moneta corrente del linguaggio è democratica e ci rappresenta bene: giù in fondo, dove pullulano gli studenti "somari", e qua tra le nubi, dove svolazziamo eterei noi professori.

«Gli studenti non sanno l’italiano». La denuncia di 600 prof universitari. Di Orsola Riva, Corriere della Sera, febbraio 2017.

giovedì 9 febbraio 2017

Trump's Redux



Ci ho pensato su e penso di aver trovato la sintesi rispetto ai tanti interrogativi che riguardano la presidenza Trump. Tutto si riduce a una singola domanda: quando si renderà conto che il mondo è complicato? Prima o dopo di aver fatto danni seri?

Il problema è tutto qui.

Menti palazzinare



In appennino, col riscaldamento globale, si scia poco e si scierà sempre meno. Il progetto è ora di unire con una funivia gli impianti del Corno alle Scale con quello della doganaccia. Conosco bene, molto bene quei monti. Si tratta di un progetto delirante partorito da menti palazzinare.

Ambientalisti contro la maxi-funivia tra Emilia e Toscana, La Repubblica - Bologna, 8 febbraio 2017.


sabato 4 febbraio 2017

Maqroll el Gaviero



(Ana, como ves, me lo estoy tomando muy en serio)

Un mondo di sedili vuoti, persone col capo chino sul decomunicatore universale, e buone letture inesauribili.

Sono concentrato sulla Colombia. Questo è il primo libro della eptalogia di Álvaro Mutis, Empresas y tribulaciones de Maqroll el Gaviero.

Da questa prima fase di letture ho capito che la Colombia è un luogo molto interessante, e che meriterebbe la pena comunque, anche se non fosse per portare avanti il Risiko.

venerdì 3 febbraio 2017

Corruzione e il declino di Roma




"Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire". Italo Calvino

Credo di aver appena ricevuto, per posta, un classico.

martedì 31 gennaio 2017

Correre, come parte del tutto



Se non ho viaggi a disturbare il mio rapido progredire, corro una sesantina di km la settimana.

Chi non corre dovrebbe iniziare a farlo, e questo articolo sul Guardian spiega come. Leggendolo poco fa, mi sono convinto che era giunto il momento di iniziare a fare proselitismo, e proselitismo non solo per la corsa, ma per un vero e proprio modello di vita che da tempo ho adottato.

Vivendo io esageratamente, se pur nel mio piccolo, anche nuoto una decina di km la settimana, e cammino, in piano, in salita e in discesa. Ho poi una bicicletta molto aerodinamica che si chiama "Fiore di ciliegio" (vedi qui). Inoltre, forse anche a causa di tutto questo muovermi, sono termoregolato molto basso. D'inverno rompo le scatole a tutti tenendo gli ambienti intorno ai 17 gradi, e in seguito a queste mie scelte sono diventato una specie di ghiacciolo che trasuda endorfine.

Quel che propongo a chi mi sta attorno - a voce alta per farmi sentire, dato che vi vedo così lontani - è un vero e proprio pacchetto olistico-esistenziale. I benefici sono innumerevoli, diretti e indiretti. Tra questi ultimi, segnalo il vantaggio evidente per tutti quelli che, come me, godono di una sfera prossemica molto ampia. Soprattutto d'inverno.





lunedì 30 gennaio 2017

Il muro in ritardo



Nell'ultimo numero del Journal of Economic Perspectives si trova un articolo di rassegna sui flussi migratori (*). In buona sostanza, il "fronte" futuro non sarà il Rio Grande, ma il Mediterraneo. Il motivo principale è semplice: la dinamica demografica è molto attiva nei paesi a noi più vicini (Africa in primis), ma non più dal Messico in giù. Quindi, anche a prescindere da ogni altra considerazione, Trump e la sua follia sono in ritardo.

E' un problema serio per l'Europa: ci attendono decenni di tensioni e di razzismo. Se c'è qualcosa in cui si dovrebbe investire, è nel finanziare piani per il controllo delle nascite in quei paesi, per cercare di anticipare il contenimento demografico che prevedibilmente avrà luogo.

Nella foto, percorro un muro a Colonia, in Uruguay, qualche mese orsono. Ci vuole un'abilità particolare, per camminare sui muri, no? Anche rendendomi conto del grande privilegio di cui godo - il poter vagare - ho firmato il Statement by scholars on the January 2017 executive orders. "A disgrace for our country": è molto breve.

(*) Is the Mediterranean the New Rio Grande? US and EU Immigration Pressures in the Long Run. Di Gordon Hanson Craig McIntosh JEP, VOL. 30, NO. 4, FALL 2016
(pp. 57-82)

domenica 22 gennaio 2017

Leningrad Cowboys



Sto andando al cinema quasi tutti i giorni, a causa di una sorta di ineluttabilità in cui mi trovo invischiato ultimamente. Ieri sera ho visto un vecchio film di Aki Kaurismäki, Leningrad Cowboys Goes America, del 1989.

Apprendo che i Leningrad Cowboys, "conceived in a bar in 1986 as a joke on the waning power of the Soviet Union" (Wikipedia), sono ancora attivi. Il film è un road movie sconclusionato, quindi adatto non so se ai tempi, ma almeno alle giornate attualmente offerte. Il ritmo è segnato da scenette grottesche, come quella della birra, qui sotto.

Mi piace molto l'immagine di apertura del video in alto, che esprime plasticamente la potenza geometrica triangolare di "Katjiusha".

giovedì 19 gennaio 2017

Ibernazione



In questo mese di gennaio sono andato in ibernazione, e leggo molto. Ho terminato Bribes (vedi qui), e ora sto leggendo la rassegna di un libro che non ho letto, ma che forse leggerò - Anti-corruption in American history, di Zephyr Teachout. La rassegna, di Richard McCormick (*) si sofferma molto sul tema del finanziamento della politica, che, soprattutto dopo "Citizens United" (l'assai criticabile decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 2010), negli Stati Uniti rappresenta la partita da giocare. In condizioni di estrema difficoltà, tanto più considerando quale amministrazione sarà chiamata ad indicare i prossimi giudici della Corte Suprema.

Riporto un'opinione di McCormick: "Conditions today invite bold leaders to step forward and say that the political influence of monied men and organizations, fueled by their lobbying and campaign giving, is preventing the enactment of effective responses to the most serious problems confronting our country (and the world). These include global climate change [...], the lax regulation of industries such as banking and energy, with damaging consequences for the economy and the environment; and the dreadful ineffectiveenss of our urban school systems".

Non c'è da stare allegri sulle prospettive odierne che tali eventuali bold leader emergano. E la lista dei problemi elencati, unita a una ragionevole anticipazione sugli effetti della presidenza Trump, solo mettono voglia di continuare l'ibernazione.

Ieri l'altro sono stato intervistato, insieme all'amico e collega Alberto Vannucci, sul tema della corruzione in Italia. Ho perorato un approccio "Zen" all'anticorruzione: per farla, è meglio parlare d'altro. Di crisi dei media, di "leggibilità" e di trasparenza. A questo riguardo, me la sono presa, come ormai mi capita spesso, contro la normativa sulla privacy. Prima o poi mi sveglierò, ma mi sento quel cuscino sotto la testa, quello che si vede nella foto, e tutti i rumori sono attutiti.

Scherzi a parte, volevo scrivere un'altra cosa, ma non mi ricordo cosa. Sarà per via della sonnolenza.

(*) Anti-corruption in American history. Reviewed by Richard L. McCormick, Rutgers University. The Journal of the Gilded Age and Progressive Era 14 (2015), 441-454.

mercoledì 18 gennaio 2017

Fiore di ciliegio - 桜花



Sentendo prepotente l'esigenza di orientarmi in modo definitivo, ho installato il GPS dei poveri. Indica non solo il Nord, ma anche il Sud, l'Est e l'Ovest. Ha anche una specie di grilletto che funge da campanello, e che intendo azionare per indicare qualsiasi errore di rotta. Cioè, non l'attiverò mai.

La mia bicicletta si chiama "桜花" - si pronuncia all'incirca "ohka", e vuol dire "fiore di ciliegio". In onore dell'omonimo Yokosuka MXY7, aereo-razzo utilizzato dai piloti kamikaze (神風).

Apertura alare minima ed essenzialità costruttiva: alla mia bicicletta manca solo il mirino che si vede davanti al finestrino anteriore del Yokosuka. Me ne devo procurare uno.

















venerdì 13 gennaio 2017

Granelli di sabbia



Ho riletto un libro che da molti anni in libreria occupava uno spazio eccessivo rispetto alle sue trecento pagine. E' un'opera di riferimento per gli storici della tarda antichità:The Mediterranean World in Late Antiquity: AD 395-700, di Averil Cameron.

Lì ho trovato citato Corruption and the Decline of Rome, di Ramsey Mac Mullen. Pubblicato da Yale University Press nel 1988, l'ho reperito sul mercato internazionale dell'usato: è in arrivo.

Terminato il libro della Cameron, ho ripreso a leggere "Bribes", di John T. Noonan, le cui ottocento pagine fitte avevo interrotto a causa di altre incombenze. E' un libro dell'83, un'affascinante perla dimenticata. Ci sono i libri parziali e libri totali: a quest'ultima categoria appartiene "Bribes". Così come, per fare un esempio, totali sono il Don Chisciotte e gli ultimi due di Bolaño (los detectives salvajes e 2066), mentre il libro della Cameron è parziale.

Poco fa stavo anche per comprare il de consolatione philosophiae di Boezio e il de civitate dei di Agostino. Fortunatamente ho intuito che stavo sperimentando uno dei miei momenti eccessivi e mi sono trattenuto. Anche tra le persone ci sono quelle totali, e le parziali. Le une non sono migliori delle altre, così come il libro della Cameron è parziale, ma molto bello.

All'alba di un giorno di molti anni fa eravamo seduti su un muretto all'incrocio della litoranea con la strada che porta a Puerto Ángel, scesi da poco da un vecchio pullman col quale, la sera prima, eravamo partiti da Oaxaca. Si fermò il Suv di un medico messicano che per alcuni anni aveva lavorato in Italia, ci mettemmo a parlare e ci offrì un passaggio. Prima andammo alla playa de Zicatela, a Puerto Escondido, tanto per fare un giro - sapevamo che era troppo hippie per noi. Seguimmo allora il suo consiglio e, tornati indietro, ci accompagnò alla prima delle baie di Huatulco. Una pista di terra, ci si poteva arrivare solo con un fuoristrada. Lì campeggiammo per alcuni giorni, e lì terminai di leggere il libro della Cameron, che prima di partire avevo scelto, quasi casualmente, nella libreria di UCSD a San Diego.

Nella prima delle sette baie di Huatulco hanno costruito almeno quattro ristoranti nuovi. La tenda era piazzata all'incirca tra due di essi, "la casa del abuelo" e il "restaurant viri". Apprendo che l'isolotto si chiama San Agustin. Ho voluto riverificare tutto questo, perché avendo terminato nuovamente il libro, mi è parso opportuno rileggere anche il luogo.

Rileggendo quel libro, molti dei granelli di sabbia bianchissima di quella spiaggia, che si erano ficcati tra le pagine, si sono perduti, e ora il libro è più sottile. Rileggendo il libro, un po' si è consumato anche il luogo.

E comunque, qui dentro non si può mai raccontare veramente tutto.

mercoledì 11 gennaio 2017

domenica 1 gennaio 2017

Aspirazioni



Da grande voglio essere come questo signore, che ho incontrato ieri mattino, a 1800 metri di quota, sotto al Passo dello Strofinatoio.

Questo ho pensato, seduto sulle acque, in un momento in cui la realtà si era inclinata leggermente.